giovedì 9 Dicembre 2021

CNR: Assunzioni turnover 2009-2010 – Cessazioni dal servizio

ASSUNZIONI – TURN OVER 2009-2010

Al fine di evitare di perdere la quasi totalità delle risorse del turn over 2009-2010, considerate le imminenti scadenze di luglio e dicembre p.v. fissate dal decreto milleproroghe, la UIL-RUA fortemente preoccupata per gli inaccettabili ed ingiustificati ritardi accumulati (il DPCM 26-10-2009 è stato pubblicato in G.U. a gennaio 2010), ha inviato al Presidente, Direttore Generale e componenti C.d.A. la seguente proposta:

Considerati i ritardi nell’attivazione di un reale tavolo di confronto e l’urgenza di intervenire, la UIL-RUA, ritiene doveroso fornire il proprio contributo formulando la seguente proposta.

Come è noto il comma 2 dell’art. 1 del decreto “milleproroghe” ha prorogato al 31 dicembre 2012 il termine per procedere alle assunzioni di personale a tempo indeterminato relative alle cessazioni verificatesi nell’anno 2009 e nell’anno 2010, fissando al 31 luglio 2012 il termine per la concessione delle relative autorizzazioni ad assumere.

Il comma 4, del medesimo articolo, proroga fino al 31 dicembre 2012 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato approvate successivamente al 31 dicembre 2005.

E’ altrettanto noto che con DPCM 26.10.2009 il CNR è stato autorizzato a bandire 525 posizioni con le risorse del turn-over 2009 e 2010.

Il C.d.A. di luglio 2010 ha deliberato una diversa ripartizione tra i vari profili prevedendo 59 posti anche per i primi due livelli di ricercatore e tecnologo.

Tale rimodulazione, ancora non approvata dai Ministeri Vigilanti, ha determinato una riduzione di posti da 525 a 442 dovuta al vincolo delle risorse finanziarie a disposizione.

Di tale contingente sono stati banditi, nell’agosto 2011, 83 posti le cui Commissioni solo di recente sono state nominate.

Stante le scadenze di luglio e dicembre p.v., evidenziate in premessa , al fine di evitare di perdere irripetibili opportunità assunzionali, la UIL RUA propone:

1) accelerare l’espletamento delle procedure concorsuali dei complessivi 83 posti banditi ad agosto 2011;

2) ricoprire con lo scorrimento delle graduatorie degli idonei:

a) gli 88 posti di ricercatore distribuiti dal C.d.A. del 4.4.12;

b) i 10 posti di tecnologo distribuiti dal C.d.A. del 17.11.2010;

c) un numero di posti pari alle riserve residue dei concorsi “MUSSI” derivanti dalla vincita di dipendenti già a tempo indeterminato in livelli inferiori(c.d. sottoinquadrati) ;

3) annullare la rimodulazione dei 59 posti di I e II livello deliberata a luglio 2010 e non ancora autorizzata dalla F.P., e pertanto non utilizzabile, recuperando 52 posti di ricercatore III livello e 35 posti di Tecnologo III livello come già originariamente autorizzati con il DPCM 26.10.2009. Ricoprire tali posti, ancora non assegnati agli Istituti, con lo scorrimento delle graduatorie degli idonei;

4) bandire concorsi centralizzati, contestualmente alla chiusura dell’art. 54, per tecnici e amministrativi livelli VII-VI-V per complessivi 257 posti di cui 182 già assegnati agli Istituti ed all’Amministrazione Centrale, prevedendo le riserve dei posti per il personale a tempo determinato e per i sottoinquadrati previsti dalle normative vigenti;

5) assumere come criteri prioritari nell’individuazione delle graduatorie degli idonei, oltre alle specifiche esigenze, la presenza di sottoinquadrati (che avrebbero un costo irrilevante) e di personale a tempo determinato (che libererebbero risorse utilizzabili per assegnisti e co.co.co.);

6) considerato l’eventuale annullamento della rimodulazione di 59 posti per I e II livello, bandire immediatamente i concorsi interni Art. 15 per tali livelli , ricoprendo una parte dei 219 posti programmati per il 2009, con lo scorrimento delle graduatorie della tornata concorsuale 2007.

La proposta quindi della UIL-RUA rispetto ai 525 posti già autorizzati può essere così sintetizzata:

2012 04 16 comunicato CNR tabella

Riteniamo infine utile evidenziare che l’accorpamento dei concorsi da bandire, per profilo e per professionalità omogenee, ancorché assegnati alle singole Strutture, consente:

a) rapidità di espletamento delle procedure concorsuali;

b) maggiore flessibilità nell’utilizzo della mobilità obbligatoria con il Ministero della Funzione Pubblica che potrà essere contestuale alla pubblicazione dei bandi;

c) concreto utilizzo delle riserve dei posti per precari e sottoinquadrati;

d) consistente riduzione del numero delle Commissioni e dei suoi componenti;

e) rilevante abbattimento dei costi per missioni ed indennità dei componenti delle Commissioni (la sola indennità è mediamente pari a 300,00 euro per ogni componente);

f) maggiore trasparenza ed equità nell’eventuale utilizzo delle graduatorie degli idonei.

CESSAZIONI DAL SERVIZIO

Mercoledì 18 aprile p.v. il Cd.A assumerà una delibera riguardante la regolamentazione delle cessazioni dal servizio alla luce della ulteriore riforma pensionistica “riforma Fornero”. Poiché nell’incontro del 3 aprile u.s. con le OO.SS la delegazione CNR ha manifestato la ferma intenzione di voler puntualmente applicare la circolare della Funzione Pubblica dell’8 marzo u.s., da noi non condivisa, e di rinunciare alla discrezionalità che gli deriva dalla legge, di poter autorizzare la permanenza in servizio per un ulteriore biennio dal raggiungimento dell’età anagrafica ordinamentale (65 anni oltre la finestra mobile con la previgente normativa e 66 anni oltre all’incremento della speranza di vita con la nuova riforma “Fornero”).

Quindi i dipendenti che hanno maturato con la precedente normativa il diritto a pensione (con le quote, 40 anni di contributi, o con l’età anagrafica) entro il 31 dicembre 2011, saranno automaticamente collocati a riposo al compimento del 65° anno di età.

Non condividendo tale interpretazione, la UIL-RUA ha inviato al Presidente, Direttore Generale ed ai componenti del C.d.A. la seguente nota:

Con riferimento all’incontro con le OO.SS. del 3.4.2012 sulla materia in oggetto ed in particolare all’orientamento espresso dalla delegazione dell’Ente di disporre la cessazione dal servizio in materia automatica al compimento del 65° anno di età, indipendentemente dall’età contributiva (purché superiore a 20 anni), per i dipendenti che con la previgente normativa hanno maturato diritto a pensione entro il 31.12.2011, la scrivente dopo attenta riflessione e valutazione sulla normativa vigente, sulle ricadute e sui costi-benefici effettivi della determinazione di cui sopra, prospetta all’Ente soluzioni alternative che, nel rispetto della legge e senza alcun danno erariale, :

− consentirebbero di massimizzare le risorse del turn-over per nuove assunzioni;

− eviterebbero disfunzioni per soluzioni organizzative;

− non penalizzerebbero il personale in servizio dal punto di vista della contribuzione;

− eviterebbero contenziosi da cui potrebbe derivare danno erariale;

− eviterebbero soluzioni di continuità nei flussi di entrata (nuove assunzioni).

Nel dubbio interpretativo dell’esercizio del diritto acquisito, da noi ritenuto una facoltà del dipendente e non un obbligo, la UIL-RUA propone, che il CNR, nella sua discrezionalità derivante dalla previgente normativa, consenta la permanenza in servizio fino al 66° anno di età, coincidente con il limite fissato automaticamente dalla nuova normativa per la pensione di vecchiaia (oltre alla discrezionalità dell’Ente per il mantenimento in servizio fino al 68° anno di età).

Si sottolinea in particolare che lo slittamento della permanenza in servizio consentirebbe un maggior accumulo di risorse da destinare al turn-over e conseguente minore perdita di posti in organico. Oggi, infatti, è recuperabile solo il 20% delle economie derivanti da cessazioni, mentre tale percentuale nei prossimi anni sale al 50% per le cessazioni 2013 ed al 100% per le cessazioni 2014.

UIL-RUA
Americo Maresci

stampa

Collegamenti Rapidi

spot_img

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news