sabato 24 Luglio 2021

Tribunale di Roma condanna CNR per mancato riconoscimento anzianità T.D.

Il Giudice Ordinario di primo grado del Tribunale di Roma, con una sentenza molto motivata della settimana scorsa, ha condannato il CNR per il mancato riconoscimento dell’anzianità maturata con contratto a tempo determinato prima della stabilizzazione.

Il giudice ordinario ha in particolare affermato i seguenti principi:

a) il lavoratore che ha lavorato a tempo determinato, mediante uno o più contratti a termine presso una stessa amministrazione, nel medesimo profilo nel quale è stato poi successivamente assunto a tempo indeterminato, deve essere trattato, sotto il profilo retributivo, in maniera identica ad altro lavoratore che abbia lavorato a tempo indeterminato per lo stesso periodo di tempo;

b) se il contratto collettivo applicabile fa discendere dall’anzianità di servizio taluni effetti, gli stessi devono pertanto trovare applicazione sia che il contratto sia stato stipulato a termine, sia a tempo indeterminato;

c) da ciò deriva il diritto del ricorrente a vedersi riconosciuto, ai fini dell’anzianità di servizio, l’attività da esso prestata con contratto a tempo determinato.

La sentenza obbliga infatti il CNR ad effettuare la ricostruzione di carriera del ricorrente, riconoscendo la fascia ricoperta e l’anzianità maturata prima della stabilizzazione, con la corresponsione del relativo conguaglio del trattamento economico spettante dalla data di stabilizzazione alla data di applicazione della citata sentenza.

È un grande risultato, anche se si tratta ancora di giudizio di primo grado.

Il prossimo mese di giugno è fissata l’udienza per un altro ricorso, questo cumulativo da noi patrocinato, riguardante il riconoscimento dell’anzianità maturata a T.D. da ex precari prevalentemente della Sede Centrale CNR.

Considerate le forti motivazioni della sentenza ed anche al fine di tutelare i diritti individuali di ciascun dipendente evitando la prescrizione, la UIL-RUA sta predisponendo, con il proprio legale, atti di intimazione, diffida e messa in mora per la richiesta ai fini giuridico, economico e previdenziale del riconoscimento e computo del periodo di servizio effettuato con contratto a tempo determinato presso il proprio Ente anteriore all’inquadramento in ruolo.

I dipendenti del CNR iscritti UIL-RUA interessati, che non hanno ricorsi in itinere, potranno sottoscrivere gratuitamente il relativo atto di diffida presso le rispettive Segreterie locali della UIL-RUA entro il 24 aprile p.v., dove dovranno sottoscrivere l’atto in duplice copia (originale e copia da notificare all’Ente) presentando la seguente documentazione:

1) copia dei contratti a termine nonché dei loro eventuali rinnovi;

2) copia del provvedimento di inquadramento in ruolo;

3) recapito e-mail ove il dipendente sottoscrittore dell’atto di diffida sarà contattato per ogni successiva informazione.

UIL-RUA
Americo Maresci

stampa

Collegamenti Rapidi

Enti Pubblici di Ricerca

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news