domenica 26 Settembre 2021

ENEA: Avanti c’è posto

La riunione odierna tra ENEA ed OO.SS. verteva sulla definizione della dotazione organica, elemento propedeutico per ottenere l’autorizzazione ad assumere per il prossimo triennio ed anche per capire la reale possibilità di accogliere le istanze per la revisione del profilo professionale da parte della commissione appena insediata.

PIANO ASSUNZIONI

E’ stato confermato che, a fronte di una dotazione organica di circa 3000 dipendenti, l’ENEA si troverà alla fine del corrente anno con 398 vacanze di organico, sostanzialmente ripartite in tutti i profili professionali, quindi, senza problemi di sorta da questo punto di vista, per l’inserimento in organico di “forze fresche”.

La dotazione organica, di cui ancora non ci è stato presentato il dettaglio, dovrà considerare, non solo le nuove assunzioni e le istanze per il cambio di profilo ma contenere “un polmone” per i futuri passaggi (artt. 53 e 54 e 15) previsti all’inizio del nuovo anno con decorrenza giuridica ed economica al 31/12/2010.

La dotazione organica prevede anche 45 dirigenti “virtuali”, dei quali, è bene precisare che NON è previsto, al momento, alcun reclutamento.

Quanto al budget assegnato per le prossime assunzioni, una rimodulazione più puntuale, rispetto alla precedente riunione, ha consentito all’Amministrazione di affermare che quasi tutti i vincitori del c.d. concorsone, in attesa da tempo, potranno essere assunti con risorse di cui al turn over 2009 e quindi con l’imminente autorizzazione in arrivo dalla Funzione pubblica.( entro l’anno?)

Le risorse a disposizione “coprono”, infatti 114 assunzioni (non 98), se non ci saranno “rinunce fisiologiche” in funzione del lungo tempo trascorso dal concorso, saranno rinviate le assunzioni di 4 ingegneri nucleari di cui alla posizione Q, la loro assunzione a tempo indeterminato avverrà con il successivo decreto (turn over 2010) di cui era stata assicurata all’ENEA la “quasi contestualità” con il primo.

La UIL, a garanzia degli eventuali esclusi ha proposto che agli stessi venga proposto un contratto a tempo determinato fino alla data di assunzione definitiva, l’Amministrazione si è detta interessata alla proposta che sottoporrà al Commissario, in caso di necessità.

L’inquadramento avverrà al livello III profilo ricercatore o tecnologo per i laureati e livello VI profilo collaboratore tecnico o amministrativo, per i diplomati, che non subiranno, in questo modo, alcuna disparità di trattamento con i colleghi assunti nel dicembre 2010.

Abbiamo chiesto che le circa 50 assunzioni (eventualmente – 4 ), che saranno effettuate per scorrimento delle graduatorie (turn over 2010) , tengano in forte considerazione il “precariato” interno uscito mortificato dai quiz preselettivi del c.d concorsone.

L’attenzione dovrà essere rivolta, fermo restando le esigenze funzionali dell’Agenzia, a tutte le graduatorie attive dove c’è presenza di nostri precari. (previsione primavera – estate 2012)

Entro il corrente anno saranno, inoltre, emessi bandi per una trentina di posizioni, le assunzioni che ne deriveranno, saranno a valere sul turn over 2011 (previsione fine 2012).

ISTANZE PER LA REVISIONE DEL PROFILO PROFESSIONALE

Non si è registrata la temuta “valanga” di istanze, quelle pervenute sono 192 , di queste circa il 40% è stata definita “fantasiosa” , con richiesta di passaggi di livello o addirittura istituzione di nuovi profili.

Altri gruppi non rientrano nei compiti della commissione (esempio i 10 colleghi di livello III che chiedono di retrocedere).

Tra le richieste “congrue” poche quelle di cambio profilo ricercatore-tecnologo o viceversa, più numerosi i collaboratori di amministrazione di livello VI e V che chiedono l’analogo profilo tecnico , più altre situazioni “giustificate”, comprese quelle di alcuni colleghi a tempo determinato, con tanto di dottorato di ricerca, inopinatamente inquadrati nel profilo di “funzionario d’amministrazione”

In considerazione del limitato numero di domande “valide” la UIL ha chiesto al Direttore UCP di dare mandato alla commissione di valutare “bonariamente” le istanze pervenute ed accettare tutte quelle che hanno un supporto di legittimità.

ORARIO DI LAVORO

Salvo qualche ulteriore integrazione e/o correzione da noi richiesta in riunione, è pronto l’addendum alla circolare sull’orario di lavoro che sarà presto (?) pubblicato.

Il testo migliora notevolmente la circolare e recepisce molte delle nostre istanze (vedi comunicati precedenti).

Vengono trattati i permessi retribuiti, si considera un solo serbatoio per le ore lavorate in eccesso spendibili con qualsiasi modalità, non è richiesta autorizzazione per le ore recuperate con R22, si precisa che il venerdì è possibile uscire prima non usufruendo del servizio mensa ecc.., ecc…

Non ci sembra, però risolto il problema dei tempi tecnici sostitutivi dei “ritardi pullman” ritenuti dalla Direzione UCP “illegittimi ed iniqui”.

L’addendum, in effetti, sposta la responsabilità sui Direttori di centro che “potranno chiedere, per esigenze specifiche dei loro centri, l’inserimento di voci giustificative, per eventi non previsti dal sistema GEPAV”…la questione non ci sembra risolta!

Torneremo sugli argomenti tenendovi aggiornati dell’evolversi delle varie situazioni.

UIL Ricerca Università Afam
Marcello Iacovelli

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news