martedì 19 Ottobre 2021

ENEA: Fatti di cronaca (sindacale)

Le riunioni del 6 ed 8 ottobre u.s. tra ENEA ed OO.SS. sul contratto integrativo 2006-09 hanno fatto registrare un avanzamento nella definizione di una normativa “di raccordo” tra il contratto ENEA e quello degli EPR, mentre sulla parte economica l’unica questione affrontata è stata la “struttura” del fondo del salario accessorio poiché l’interlocuzione ENEA-Ministero dell’Economia inizierà soltanto la prossima settimana.

La trattativa continuerà con due incontri settimanali e con il tempo che inesorabilmente scorre avvicinandoci alla fine del 2010, data oltre la quale non sarà possibile “migliorare” la retribuzione per gli effetti della lg 122/10 (c.d. manovra di luglio).

A margine delle riunioni l’ENEA, anche in risposta alla nostra ultima lettera al Commissario, ha dichiarato che si adopererà concretamente per prorogare contratti ed assegni in scadenza (o già scaduti) tenendo in priorità chi perderebbe la “chance” lavorativa in assenza di proroga.
vincitori di concorsi a tempo determinato ancora in sospeso dovranno invece attendere l’inizio del nuovo anno che comporterà una nuova e migliore situazione di cassa.
Nella giornata dell’8 ottobre, inoltre è stato raggiunto un importante accordo con l’Agenzia per l’applicazione in ENEA della legge 109/94 (Merloni) e successive modifiche ed integrazioni, in materia di lavori.
L’accordo prevede l’adozione in ENEA di un regolamento, sostanzialmente identico a quello in vigore presso il Ministero delle infrastrutture, per il riconoscimento degli incentivi al personale dell’Agenzia interessato, generalmente facente parte dell’ufficio tecnico dell’Unità gestione Centri.
Per un appalto di un milione di euro spetteranno ai colleghi i seguenti incentivi:
  • – Responsabile unico del procedimento euro  470
  • – Incaricato della sicurezza                    euro  470
  • – Incaricato alla progettazione               euro 2115
  • – Direzione lavori                                  euro 1175
  • – Responsabile collaudo                        euro  470

I costi graveranno sull’appalto ed è stata concordata una norma transitoria che prevede l’applicazione ”retroattiva” del regolamento dal 1/1/2009.

Infine vi informiamo che l’operazione ex riequilibrio è sostanzialmente terminata per la parte relativa ai passaggi di livello economico con la trasmissione delle schede da parte dei responsabili alla commissione preposta che ha l’incarico di esaminare la correttezza degli atti e formulare una proposta complessiva al Commissario che adotterà la delibera conseguente.
L’Amministrazione è impegnata a concludere il processo il più rapidamente possibile in maniera da rispettare gli impegni assunti con il personale.

Slitterà di qualche settimana (per problemi tecnici e di cassa) tutta la procedura per l’assegnazione dei premi che saranno assegnati anch’essi con giudizio di valutazione del merito e nel rispetto degli accordi sottoscritti.

In relazione all’operazione giova ricordare che l’accordo iniziale da noi firmato con ENEA prevedeva 300 passaggi ottenuti sulla base dell’esperienza maturata e 695 incrementi stipendiali (nella RIA) basati sulla logica del riallineamento delle retribuzioni.

Il collegio dei revisori, ha “imposto” che tutti i provvedimenti fossero a fronte di una cornice normativa chiara e che le progressioni fossero improntate sulla valutazione del merito.

Firmammo, quindi, un nuovo accordo che ampliava il numero dei “passaggi” ma annullava gli aumenti nella RIA, concordando una valutazione prioritaria, alle platee già definite di personale che aveva maturato una legittima aspettativa.

L’indicazione che possiamo darvi è che, per quanto a nostra conoscenza, la valutazione prioritaria concessa ai potenziali beneficiari del precedente accordo ha dato esiti positivi in percentuali molto alte, comunque forniremo tutti gli elementi a nostra disposizione nei prossimi comunicati e/o nelle assemblee che terremo nei Centri nella maniera trasparente che ha contraddistinto sino ad oggi il nostro operato.

Parafrasando un recente volantino, insomma, che a qualcuno piaccia o no “calda”, una perequazione o un riequilibrio (pur con dei limiti) ci sono stati negati dalla recente normativa sul pubblico impiego, dalla pedissequa azione di altra sigla sugli organi di controllo e dall’inatteso quanto brusco risveglio dei revisori.

Naturalmente speriamo che qualche danno collaterale che ogni operazione “di valutazione” porta fatalmente con se possa essere soffocato dagli effetti positivi su circa 800 colleghi (per ora), che l’ENEA e le OO.SS. , in un contesto difficilissimo per tutto il pubblico impiego stanno riuscendo a “portare a casa”

UIL Ricerca Università Afam
Marcello Iacovelli
stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news