giovedì 5 Agosto 2021

ISPESL: Una trattativa complessa

L’incontro tecnico di contrattazione che si è tenuto ieri ha riguardato il trattamento accessorio 2011, l’attuazione dell’accordo su nuove assunzioni e passaggi di livello per Ricercatori e Tecnologi e, nelle varie ed eventuali, ha portato ad affrontare una serie di questioni di non poco conto per il personale ex ISPESL.

Andando con ordine, nella determinazione del fondo dell’accessorio 2011 – atto fondamentale per definire la trattativa – abbiamo riscontrato il primo problema. Infatti il fondo è stato ridotto per una a nostro avviso erronea applicazione della norma che prevede il fondo sia decurtato in maniera proporzionale ai pensionamenti.

Riteniamo che la decurtazione vada fatta sul fondo del 2012 e non già da quello del 2011, e siamo confortati su questa posizione anche da una sentenza della Corte dei Conti. Abbiamo consegnato alla delegazione una nota tecnica prodotta dalla struttura nazionale UIL RUA.

Abbiamo inoltre chiesto di prevedere nell’accordo l’applicazione degli artt. 52 e 65 (passaggi di profilo a parità di livello) ma l’amministrazione ha ritenuto che la questione vada affrontata in un accordo separato.

Per quanto riguarda il contratto di luglio 2010 – che riguarda i nuovi concorsi a tempo indeterminato, le nuove selezioni per i passaggi di livello III-II e II-I e gli anticipi di fascia per ricercatori e tecnologi – la proposta dell’amministrazione prevede di bandire nuovi concorsi per 15 posti da ricercatore, 7 da tecnologo, 7 CTER, 3 funzionari e 3 collaboratori amministrativi, in maniera da non escludere nessun precario dalla possibilità di partecipare al concorso. Inoltre si è proposto di riconoscere la possibilità di partecipare al concorso per CTER a chi ha una maturità non tecnica ma una laurea triennale tecnica.

L’amministrazione ha informato che per dare attuazione a questo contratto è attesa la pronuncia del collegio dei Sindaci, a seguito di una esplicita richiesta della Funzione Pubblica che ne ha ribadito l’assoluta necessità. Auspichiamo che i ritardi conseguenti al passaggio “saltato” prima dell’inoltro alla F.P. non producano danni.

A margine della discussione ci è stato comunicato che:

– sono state firmate le proroghe per i contratti di collaborazione (un anno per quelli sul piano di attività e sei mesi per quelli sul piano di innovazione tecnologica – piano Mazzocchi),

– sono state nominate le commissioni per i concorsi interni ex artt. 53 e 54,

– è stata nominata la commissione per i passaggi di fascia di ricercatori e tecnologi,

– per i direttori dei dipartimenti territoriali sono stati prorogati di 3 mesi gli interim e di 6 mesi gli incarichi, come per 6 mesi sono state prorogate le direzioni dei Dipartimenti centrali.

Per quanto riguarda l’attuazione dell’accordo 2010 che, ricordiamo, prevede una nuova tornata di passaggi ex artt. 53 e 54 e l’equiparazione dell’indennità di ente annuale per i lavoratori assunti dal 1/1/1996, si è in attesa della conclusione dell’iter autorizzativo (Funzione Pubblica e Tesoro) per arrivare alla firma definitiva.

In ultimo è stata comunicato che per quanto riguarda il 40% residuo della Fioroni 2009 si è in attesa di risposta dalla Funzione Pubblica; inoltre, poiché è stato chiuso il bilancio 2010 a gennaio potrà iniziare la trattativa per la Fioroni 2010.

UIL RUA
Marco Di Luigi

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news