15.1 C
Rome
domenica 20 Giugno 2021

Importante iniziativa dei sindacati con le quattro Università delle Marche

ministero istruzioneUN’ALTRA UNIVERSITA’ E’ POSSIBILE?

Finalmente insieme! Un incontro che sa quasi di “storico” quello avvenuto il 26 novembre scorso tra i quattro Rettori delle Università marchigiane, presso l’Aula Verde della Regione Marche. Forse per la prima volta, in un evento pubblico, Corradini (Camerino), Lacché (Macerata), Pivato (Urbino) e Longhi (Ancona) sono stati riuniti grazie a Cgil, Cisl, Uil su iniziativa delle categorie di settore che hanno lanciato l’allarme sul futuro del nostro sistema universitario, come spiega nella sua introduzione Davide Violet, CISL Università regionale. “Tutta l’università, anche quella marchigiana, rischia di essere impoverita dal pesante taglio alle risorse e dal sostanziale blocco del turn over. Dovremmo, invece, investire di più in alta formazione per avere più laureati (almeno il 40% tra i 30/35 anni entro il 2020, siamo solo al 21%), più ricerca, più innovazione, più sviluppo sostenibile, più lavoro di qualità, condizioni fondamentali per uscire dalla crisi. Le Marche possono fare la loro parte. Dobbiamo unire le forze per fare sinergia e rilanciare un patrimonio enorme che non possiamo perdere” afferma Manuela Carloni, FLC-CGIL Marche, nella sua relazione introduttiva.

La conoscenza e la cultura devono essere lo snodo centrale per costruire vie plurali allo sviluppo e al lavoro nei nostri territori, che cercano di progettare un futuro migliore per tutti, proprio mentre il difficile momento di cambiamento epocale che stiamo vivendo, continua ad inferire colpi profondi a quel sistema di certezze che da tempo abbiamo scoperto non essere più tali. A partire dai dati, presentati da Claudio Amicucci, UIL RUA Nazionale, emergono almeno quattro aree su cui lavorare per puntare ad un sistema universitario integrato nelle Marche e costruire un “brand della conoscenza” attrattivo e ricco di sostanza allo stesso tempo: qualità e cura del lavoro della conoscenza; qualità e cura dell’offerta formativa; centralità degli studenti, del loro diritto allo studio; investimento più maturo e selettivo nella costruzione di partnership tra mondo della ricerca e sistema economico e sociale regionale.

I Rettori hanno mostrato forte disponibilità a confrontarsi su una materia certamente delicata, declinando le loro ragioni con sfumature anche molto diverse. Nella storia di ogni ateneo sono raccolte identità, esperienze, intuizioni e culture organizzative e gestionali specifiche che non vanno trascurate. Il tema dell’integrazione è una questione antica nel sistema universitario marchigiano e presenta luci e ombre rispetto alle sperimentazioni di volta in volta messe in campo su questa materia, alcune anche molto proficue, come nel caso di Camerino e Macerata. Sullo sfondo pesa ancora un dibattito e una produzione legislativa che troppo spesso hanno preoccupato – più che ingaggiare – i diretti interessati: unire o federare? Semplificare o aggiungere? Fondere o coprogettare?

Cambiare in un sistema così antico e consolidato è una sfida complessa e da giocare insieme, tra tutti gli attori coinvolti. Ma serve anche essere accompagnati e sostenuti da una cornice istituzionale forte: Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto di assumere questo ruolo di governance alla Regione Marche, presente con l’Assessore Luchetti, che non ha declinato l’invito.

<< Costruire insieme un progetto è necessario, urgente, strategico: essere protagonisti e costruttori del futuro del sistema universitario regionale è nostra responsabilità. Se non lo facciamo noi, è molto probabile che lo faranno altri, facendoci subire scelte fredde e razionalistiche, quasi sicuramente riduttive ma, soprattutto, non partecipate >>. Queste le conclusioni di Stefano Mastrovincenzo a nome delle tre confederazioni. Ora serve iniziare, quindi. A breve partirà un tavolo formale dove il dibattito aperto si trasformerà in un confronto sul merito: questo l’importante risultato in una giornata che vuole lasciare un primo importante segno.

 stampa

Ultime news