sabato 24 Febbraio 2024

RSU 2015: la UIL RUA c’è…..e cresce

RSU 2015 UILRUA smallQuesta tornata elettorale per le RSU è stata preceduta da una serie di importanti appuntamenti: la fase congressuale per il rinnovo dell’intera nostra organizzazione, la grande manifestazione unitaria di novembre, lo sciopero di dicembre, le elezioni al CUN.

La UIL RUA è stata sempre in prima fila, ed ha brillato per determinazione, coerenza, risultati, grazie all’impegno di tutti i quadri e con il forte sostegno dei lavoratori in tutte le sedi.

I risultati delle RSU confermano una altissima partecipazione al voto da parte dei lavoratori in tutto il pubblico impiego, attestandosi, nei nostri settori, su un’affluenza di poco inferiore all’80%.
E’ un segnale importante che sale forte e chiaro al Governo da parte di chi opera al servizio della collettività e rifiuta l’etichetta di fannullone.

La UIL RUA registra una crescita che ci porta ad essere in alcune realtà maggioranza assoluta; abbiamo aumentato il numero delle liste presentate, e rafforzato la presenza sul territorio.
Le nostre liste hanno visto la partecipazione di giovani, precari e tante donne che hanno affrontato la competizione elettorale con l’entusiasmo e la convinzione di “fare la differenza”.

Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, sia in termini assoluti che relativi. Percentualmente il trend di crescita è costante, con picchi che ci vedono raccogliere in molte realtà oltre il 50% dei voti.
Rispetto alle precedenti elezioni molte sedi hanno addirittura raddoppiato il numero dei consensi.
Ci attendiamo dai risultati definitivi una crescita media di 4-5 punti percentuali nella Ricerca, arrivando al 26%, e di due-tre punti nell’Università e nell’AFAM, arrivando al 17%.

Questi risultati rafforzano ulteriormente la nostra categoria.

Per ciò che abbiamo saputo fare, ma soprattutto per ciò che sapremo fare, un fortissimo….

 

GRAZIE!

 

va ai candidati ed alle candidate, a tutti i lavoratori, agli iscritti ed alle iscritte, ai quadri ed ai simpatizzanti, ai lavoratori di ruolo e precari, ai giovani e ai “diversamente giovani” che ci hanno preferito, confermando che la nostra linea di coerenza e competenza è condivisa.

Ci aspettano nuove sfide, nuovi percorsi, nuovi traguardi, nuovi obiettivi a partire dal rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro, fermo da troppi anni assieme al potere d’acquisto dei lavoratori.

Cominceremo da domani: per ora ci godiamo i risultati.

La Segreteria Nazionale

stampa

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...