domenica 14 Luglio 2024

Università: Premiare il merito e lotta ai baroni

simboli-comparti universitaPremiare il merito e lotta ai baroni. Con questi argomenti l’ex Ministro Gelmini aveva puntato per far passare quell’insieme di interventi scoordinati che qualcuno si ostina ancora a chiamare “riforma universitaria” (legge 240/10).

A distanza di poco tempo i fatti ci dicono che gli Atenei restano immancabilmente preda dei soliti potentati, sicuri nel perpetrare antichi favoritismi e abili nell’utilizzo delle nuove procedure di reclutamento per mantenere status e clientele. Oltre alle nostre innumerevoli prese di posizione di questi anni, per farsi una idea è utile leggere la recente inchiesta de L’Espresso sugli esiti della recente abilitazione scientifica nazionale (in allegato e su
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/05/09/news/i-baroni-regnano-sull-universita-1.164632). Emerge un quadro a dir poco desolante, in cui in Italia la valutazione per l’abilitazione nazionale è divenuta oggetto di interventi della magistratura, di ricorsi e di un discredito generale.

Tutto ciò dimostra che abilitazioni e concorsi (nazionali e locali) pretendono una “vera riforma” in fatto di trasparenza e terzietà, con la possibilità di un controllo preventivo e pubblico sui curriculum di esaminandi e commissioni. Resta si attende ancora una presa di posizione del Governo, fermo finora in una difesa di ufficio della legge 240/10 ed incapace di intervenire su “disfunzioni” evidenti.

La Segreteria Nazionale
UIL RUA

All. 1

stampa

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...