venerdì 1 Marzo 2024

ARAN – Rinnovo CCNL: Non è più il tempo delle attese, ma quello delle responsabilità

Registriamo con rammarico ancora assente da parte della Ministra Bernini quell’intervento più volte sollecitato dal sindacato per destinare gli ormai noti 50 milioni già stanziati ad aumentare i livelli retributivi del Personale universitario, così come ancora nessun segnale sulle risorse da stanziare per gli EPR non vigilati.

È chiaro che l’assenza di una risposta da parte del Governo e dei suoi Ministri su questi punti centrali si configura come conditio sine qua non per poter addivenire ad un contratto che sappia dare le doverose risposte alle lavoratrici e lavoratori che portano avanti con senso di responsabilità e professionalità il sistema universitario e della ricerca pubblica del nostro Paese.

L’atto di indirizzo firmato dal Ministro Valditara, che detta le indicazioni sulle risorse aggiuntive messe a disposizione per i dipendenti della Scuola, determinerà sicuramente una accelerazione sulla contrattazione per il rinnovo del CCNL.

Non è più il tempo delle attese, ma quello delle responsabilità. La Ministra Bernini e il Governo si devono assumere la responsabilità di dar seguito alle giuste rivendicazioni sindacali, volte esclusivamente ad incrementare i salari più bassi del pubblico impiego per il Personale universitario e riconoscere pari dignità tra i T/A e i Ricercatori di tutti gli EPR.

I lavori proseguiranno il 27 marzo sulla sezione Università. Vedremo se qualcosa si muoverà…

La Segreteria Nazionale

stampa

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news