3.4 C
Rome
venerdì 16 Aprile 2021

ENEA: Resoconto della riunione del 27 Maggio 2012

Si sono tenute nella giornata di ieri 2 riunioni tra ENEA ed OO.SS. con all’ordine del giorno il telelavoro, il conto terzi e le progressioni economiche.

INTRODUZIONE

In apertura di riunione abbiamo appreso ufficialmente della chiusura della procedura per l’assegnazione di due incarichi dirigenziali, che la UIL RUA aveva giudicato inopportuni nel sorprendente silenzio generale e, che sono stati assegnati a responsabili di primo livello interni secondo quanto comunicato dall’ENEA.

Ufficiosamente invece, si è diffusa la notizia di un terzo dirigente che sarebbe magicamente “nato”, sembrerebbe per via stragiudiziale .

Sospendiamo giudizio ed indignazione, in attesa di saperne di più ed auspichiamo che il vertice dell’Agenzia voglia, con urgenza, fare chiarezza sulla questione.

Siamo stati informati inoltre di un ulteriore intervento di “manutenzione organizzativa” che accorperà tre servizi e creerà 5 nuovi coordinamenti, che sarà oggetto di una prossima circolare e che sarebbe a costo quasi zero.

In risposta alla nostra lettera del 17 maggio u.s., il capo del personale ha dato la sua disponibilità a prevedere che i congedi parentali possano essere fruiti anche ad ore (e non solo per giornate intere) , nelle more del rinnovo contrattuale, ma si è riservato una verifica con il revisore dei conti.

Contiamo in un provvedimento applicativo favorevole entro giugno.

CONTO TERZI

Relativamente agli argomenti all’ordine del giorno abbiamo accolto con favore l’apertura dell’Agenzia sul conto terzi (da noi sollecitato più volte) , che fornirebbe una motivazione in più ai ricercatori a reperire risorse da progetti esterni ed avrebbe ricadute economiche positive su tutto il personale, in particolare su chi i soldi riesce a portarli “a casa”.

Purtroppo, come spesso accade su tutto ciò che è favorevole al personale, il discorso è solo iniziato e l’amministrazione ha preso tempo rinviando l’argomento ad una prossima riunione fissata mercoledì 5 giugno p.v. nella quale saranno presi in considerazione gli accordi ed i regolamenti di altri Enti di ricerca che già applicano da anni il conto terzi.

TELELAVORO

Anche sul telelavoro non si sono registrati grossi passi avanti poiché l’Amministrazione ha proposto una bozza di regolamento con un approccio “filosofico” assai diverso da quello immaginato da noi (e dal CUG).

Sulla bozza dell’ENEA, si concede al responsabile di primo livello troppa discrezionalità come ad esempio la facoltà di veto circa la partecipazione del dipendente al progetto telelavorabile…si riproporrebbero, a nostro avviso, le difficoltà che già caratterizzano la mobilità interna, per cui abbiamo fatto le nostre proposte di profonda modifica del testo, prevedendo che siano gli stessi interessati a potersi proporre , ma anche molte altre “innovazioni” e ne riparleremo sempre il 5 p.v.

PROGRESSIONI

Nella riunione tecnica del pomeriggio siamo stati informati che Funzione Pubblica ed economia, sollecitati sull’argomento hanno confermato che alcune soluzioni sono praticabili ovvero :

Le risorse pari a 605.000 euro anno possono essere utilizzate esattamente come previsto nell’accordo firmato da UIL ed ANPRI con l’Amministrazione ovvero procedendo all’applicazione giuridica degli artt. 15, 53 e 54 del CCNL che determinerebbero circa 40 passaggi tra i ricercatori e circa 70 tra gli altri.

La decorrenza economica dei passaggi dipenderà dallo sblocco dei contratti pubblici.

E’ possibile rivedere l’accordo (dipende dai firmatari) procedendo ai soli passaggi per i livelli IV-VIII e destinando 405.000 euro (dal gennaio 2011), all’incremento di IOS per i primi tre livelli (circa 15 euro/mese).

L’intervento “a pioggia” è oggi possibile , come afferma il Ministero dell’Economia, perché lo stesso (contestato) accordo aveva destinato 2,7 milioni a produttività (ricorderete l’una tantum erogata ai primi tre livelli ed i premi agli altri ad evitare l’alleggerimento della busta paga).

Non si fanno passaggi neanche per i IV-VIII e 200.000 euro (dal gennaio 2011) vanno ad incrementare l’indennità di ente (circa 12 euro/mese).

Non è possibile utilizzare risorse destinate alle 52 assunzioni autorizzate per progressioni, a meno di procedura “contestuale”, non ipotizzabile.

I passaggi nei primi tre livelli avverrebbero per concorso pubblico, decorrenza giuridica ed economica data di nuova “assunzione”.

Ci siamo resi disponibile a ridiscutere questa parte dell’accordo con chiunque sia in grado di portare al tavolo altre proposte credibili ed attuabili e la finisca di dire sciocchezze sullo stesso accordo che, tra l’altro ha il merito di aver “impegnato la spesa” dei 605.000 euro altrimenti oggi non più utilizzabili.

Mercoledì 5 giugno è prevista una convocazione sulla questione dalla quale si esce con l’applicazione completa dell’accordo UIL ANPRI-ENEA dell’11 luglio 2012 o con una modifica “a larghe intese” dello stesso.

UIL Ricerca Università Afam
Marcello Iacovelli

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news