3 C
Rome
venerdì 16 Aprile 2021

ISPESL e performance: Un incontro difficile con l’INAIL.

Il 20 gennaio si è tenuto un incontro tecnico convocato dall’INAIL per un confronto sulla “performance” di cui alla legge 150 “Brunetta”.
Come ricorderete, l’applicazione di questa norma comporterebbe effetti diretti sul trattamento economico.

L’incontro ha visto la partecipazione delle rappresentanze sindacali anche ex IPSEMA, ed era fortemente partecipato.
In quella sede la UIL RUA ha espresso per l’ISPESL la posizione che conoscete, precisando ed aggiungendo che:

  • · La norma è inapplicabile ai primi tre livelli indipendentemente da quale sia la loro assegnazione funzionale (l’INAIL aveva ipotizzato la valutabilità di quanti fossero inseriti in strutture di gestione);
  • · I profili tecnico-amministrativi sono indissolubilmente correlati all’attività di ricerca che dà origine alla “non valutabilità” dei primi tre livelli;
  • · La norma non è applicabile fino alla nuova tornata contrattuale, come dichiarato anche dalla CIVIT;
  • · La valutazione non potrebbe comportare effetti economici migliorativi in conseguenza del blocco alle retribuzioni individuali derivanti dalla legge 78 “Tremonti”;
  • · Poiché le risorse economiche presenti sono oggi già destinate alle attività ordinarie, sarebbero necessarie risorse aggiuntive da destinare alla Performance – risorse non disponibili in presenza del blocco dei contratti;
  • · Non è di conseguenza comprensibile la ragione per la quale dovrebbe attivarsi un processo valutativo in assenza di un obiettivo correlato e delle adeguate motivazioni a supporto.
Abbiamo tenuto a precisare che nel sistema ricerca il confronto è quotidiano e non temuto: ma cosa diversa sarebbe avviare un processo il cui unico fine è dimostrare che si riduce – per legge – il percepito individuale; lo scopo del Ministro Brunetta è sostenere che il 25% dei lavoratori pubblici è inefficiente, e forzare la mano per dimostrarlo a nostro avviso dà il senso della stupidità della norma.
Il tavolo ha chiesto fortemente un incontro con la delegazione politica, da cui parte l’input di procedere ad ogni costo sulla performance. Problemi interni ai vertici INAIL rischiano di creare problemi ai lavoratori tutti, e di conseguenza anche a quelli ex ISPESL: ma per il sistema ricerca dovranno essere garantite le differenze, e definiti i nodi al momento non sciolti relativamente al trasferimento dell’ex ISPESL, demandato ad atti al momento non prodotti nonostante siano passati abbondantemente i termini previsti dalla legge.
La delegazione tecnica di parte pubblica ha correttamente operato, nel rispetto degli input ricevuti e delle precisazioni fatte dalla delegazione sindacale: ma riteniamo che i testi prodotti risentano di problemi che impattano con gli indirizzi e gli intenti, e che sarà indispensabile un confronto con il vertice politico.

Vi terremo informati.

UIL RUA ISPESL

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news