mercoledì 4 Agosto 2021

ISTAT: Comunicato numero 49 – Resoconto riunione del 3 dicembre 2020

2020 12 09 ISTAT comunicato 49 Salario Accessorio 2019 e 2020
Utilizzo graduatoria Art. 53 e aumento IEM
L’amministrazione propone un parziale utilizzo della graduatoria art. 53 e un aumento della IEM del 6% (circa 25 euro lordi al mese di aumento in busta paga)

Giovedì scorso si è svolto l’incontro tra amministrazione e OO.SS. con all’o.d.g. la contrattazione sui criteri generali di ripartizione del fondo 2019 e 2020 per il salario accessorio dei livelli IV VIII.

Utilizzo graduatoria Art. 53 entro il 2020
L’amministrazione propone un utilizzo parziale della graduatoria attualmente valida, nella percentuale del 50%.
Una proposta che non ci vede d’accordo vista l’esiguità del numero complessivo dei beneficiari e del costo, oltre che l’enormità delle risorse disponibili. Riteniamo necessario riconoscere il meritorio impegno dei lavoratori Istat attraverso l’utilizzo pieno della graduatoria art. 53. L’alternativa sarebbe bandire e chiudere la selezione entro il 31 dicembre 2020. Un’utopia irrealizzabile.
Altre soluzioni di compromesso penalizzerebbero i lavoratori con un vantaggio di cassa per l’amministrazione che non ha basi nella normativa contrattuale di riferimento.

IEM
L’amministrazione, dopo aver proposto nella precedente riunione il 4%, ha rilanciato con un aumento della IEM del 6%, circa 25 euro (Vi livello) lordi mensili in più in busta paga: una percentuale a nostro avviso non sufficiente e che dovrebbe arrivare al 10% (circa cioè 42 euro lordi mensili di aumento in busta paga per un VI livello) per dare un significativo ristoro alle buste paga dei lavoratori penalizzate anche dall’emergenza Covid (vedi Buoni Pasto e aumento delle spese di gestione familiare).

Indennità e Straordinari
Come noto la UIL è storicamente impegnata per una strutturale e drastica riduzione dell’ammontare annuo complessivo relativo agli straordinari: una voce del Fondo accessorio che, appunto, da straordinaria è divenuta strutturale. Un vero ossimoro!
Riteniamo che questa voce delle risorse fisse vada ridotta a vantaggio di voci di cui beneficiano tutti i lavoratori. Dunque se ne chiede una riduzione a vantaggio della IEM, del 54, del 53.
Per quanto riguarda le indennità, abbiamo chiesto l’introduzione di una indennità per il personale delle segreterie delle direzioni e dei Dipartimenti, oltre che degli UU.TT. da realizzare utilizzando le risorse per la reperibilità, che abbiamo avversato da sempre.
Nel corso della riunione l’amministrazione ha confermato di concentrare in alcuni casi indennità e straordinari, decisione assolutamente non coerente con quanto previsto nel corso degli anni dagli accordi siglati con le OO.SS.. Una scelta che ha un sapore clientelare laddove vengono utilizzate più risorse accessorie di tutti i lavoratori su singoli casi, mentre si rifiutano risorse da dedicare per la IEM, che sarebbe una voce a vantaggio di tutti.

Benefici Assistenziali 2018
Non se ne è parlato per mancanza di tempo. Su questo tema la UIL ha deciso di avviare una riflessione al suo interno. E’ assente al momento nella proposta di accordo il riferimento all’avvio di un tavolo tecnico che non solo valuti la convenienza o meno della polizza sanitaria, ma avvii anche le fasi di analisi delle offerte presenti sul mercato. Un tema questo molto presente nelle richieste dei lavoratori. I ritardi e l’introduzione forzata dell’ISEE come parametro per l’erogazione dei rimborsi dimostrano l’urgenza di passare ad uno strumento che sia in grado di meglio rispondere alle esigenze dei lavoratori.
Culturalmente e sindacalmente siamo per un sistema di welfare europeo. Le politiche neoliberiste attuate dai governi di tutti i colori possibili hanno colpito duramente anche il sistema sanitario nazionale. Ma è anche vero che è necessario aiutare le buste paga dei lavoratori con una assistenza sanitaria che sia strumento anche di prevenzione più veloce e al passo con i tempi.
Altro sarebbe avere un accordo sui benefici assistenziali di dimensioni economiche corrette e non “falciate” da interpretazioni penalizzanti per i lavoratori e un Ufficio Benefici Assistenziali attrezzato in termini di flessibilità interpretativa positiva delle norme e di risorse umane numericamente adeguate per la mole di lavoro che deve affrontare.
Chiediamo dunque un approfondimento all’amministrazione sulle modalità di costituzione del fondo benefici assistenziali, visto che ormai tutte le OO.SS. nessuna esclusa concordano su una interpretazione delle norme penalizzanti per i lavoratori, oltre che la previsione nel testo dell’accordo di un tavolo tecnico per l’introduzione in Istat della polizza sanitaria.

Art. 22 e Art. 15
Siamo in attesa dei documenti relativi alle bozze di bando. Una attesa inconcepibile visto che le bozze ci risultano pronte. Non concordiamo su queste tattiche dilatorie quando in gioco c’è il futuro professionale dei lavoratori di questo istituto.

RUP & DEC
La campagna di sensibilizzazione dei lavoratori interessati all’indennità per RUP & DEC sta dando i suoi frutti. Mentre raccogliamo interesse per l’azione collettiva contro l’amministrazione, quest’ultima ha preso impegno nel corso della riunione per la convocazione finalmente di un incontro sul tema a stretto giro. Ci aspettiamo a breve una convocazione.

POLA – Piano Organizzativo per il lavoro agile
Il Direttore generale ha affermato che sarà convocato il Comitato paritetico per l’innovazione nei prossimi giorni, organo deputato a confezionare un modello di lavoro agile per l’Istat. Nel frattempo è costituito un thinkthank “laico” dove elaborare le proposte da portare al Comitato, da parte dei lavoratori che vogliano contribuire.

Federazione UIL SCUOLA RUA
“Ricerca Università Afam”
I S T A T

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news