martedì 16 Luglio 2024

ISTAT: Incentivi RUP&DEC Pure l’ANAC dice che è dovere pagare! Ma l’importante è fare il desk sharing forzato!

Come ben noto in questi giorni si sta consumando la vicenda del Desk Sharing Forzato che coinvolge i colleghi del GRL e della PBC che stanno perdendo la loro postazione di lavoro in assenza di requisiti minimi come il sistema di prenotazione delle postazioni, una adeguata formazione, procedure per garantire il rispetto della loro privacy e la sicurezza dei dati che riguardano i lavoratori Istat. Arrivano anche segnalazioni circa un sistema di trasporto della documentazione cartacea ancora non digitalizzata necessaria agli uffici GRL e PBC per il tramite del servizio di facchinaggio, tra balbo 39 sede dell’archivio al piano -2 e Balbo 16 nuova sede dell’ufficio GRL (con fogli e cartelline che viaggiano tra le due sedi di balbo).

Mentre il Direttore DCAP sembra assorto nel raggiungere gli obiettivi 2023, ci ritroviamo a distanza di anni ad attendere l’erogazione degli incentivi RUP&DEC. In questi anni le giustificazioni erano le più varie dalla necessità di un regolamento, alla individuazione dei Cdr, al cambio del codice degli appalti. Eppure, analoga prudenza perché non è usata per un desk sharing che i lavoratori non vogliono?

Perché l’amministrazione non eroga gli incentivi? Cosa si sta aspettando? L’ANAC con la nota Fasc. 3360/2023 (URCP 54/2023) avente ad oggetto gli incentivi alle funzioni tecniche di cui all’articolo 45 del d. lgs. 36/2023 (di cui alleghiamo il testo) indica la necessità di velocizzare la liquidazione degli incentivi e il venir meno della necessità di un regolamento. Testualmente afferma che bisogna puntare al risultato, cioè l’erogazione concreta degli incentivi.

Non possiamo che stigmatizzare il comportamento di una dirigenza feroce sulla introduzione di un Desk Sharing forzato e non condiviso con le OO.SS. (al punto da arrivare al dover valutare se vi sia un danno a carico dei lavoratori forzatamente spostati con sottrazione di postazione – ad oggi non ci risulta che il lavoro a distanza sia obbligatorio in alcuna sua forma) e sonnambula verso una erogazione di quanto dovuto ai lavoratori per gli incarichi di RUP e DEC nonostante sia stato firmato un accordo sindacale.

Ai lavoratori non possiamo che ricordare che da tempo la UIL ha messo a disposizione il proprio ufficio legale per avviare ricorso, inoltre iscrivendosi alla UIL gratuitamente si ha accesso alla polizza assicurativa per responsabilità grave (la cui validità è retroattiva rispetto al momento dell’iscrizione e che quindi comprende l’attività già svolta ma non contestata) proprio derivante anche dallo svolgimento dell’incarico di RUP e DEC

#Basta esterni!

Dai forza alla UIL – ISCRIVITI!

Federazione UIL SCUOLA RUA
“Settore RUA”
I S T A T

stampa

Collegamenti Rapidi

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news