domenica 3 Marzo 2024

Università – Ipotesi CCNL 2019-2021 – Sequenza contrattuale – Policlinici e A.O.U.

Si è svolto questa mattina il confronto tra ARAN e OO.SS. sulla sequenza contrattuale di cui all’art. 178, c.1. lettera c) adeguamento della disciplina relativa al personale delle A.O.U.

Chi vive quotidianamente le AOU conosce bene come nel tempo si siano determinate realtà confuse e criticità causate anche da una mancata applicazione degli articoli contrattuali che a nostro avviso se rispettati avrebbero sicuramente risolto molti dei temi oggi in discussione.

Una volontà quindi delle amministrazioni a disconoscere quanto sottoscritto dalla parte pubblica e da quella sindacale. Un dovere oggi per noi affrontare e denunciare, così come sta accadendo nelle sedi competenti, le misure illegittime.

Certamente dopo tanta attesa, a fronte di un tema ben conosciuto da tutte le parti, ci saremmo aspettati un testo dell’ARAN quale punto inziale di confronto. In assenza di questo il tavolo non ha potuto fare altro che ribadire i temi e le problematiche che la sequenza contrattuale dovrà risolvere, non essendoci stata a nostro avviso la volontà di normare la materia nell’ipotesi di contratto sottoscritto a luglio.

Partendo da una rivisitazione degli attuali articoli ex 63, 64, 65 sarà necessario dare una maggiore chiarezza nella loro applicazione anche se per noi il cuore del problema non risiede nel loro contenuto.

Il cuore del problema risiede in una volontà politica di riconoscere alle Università quel ruolo fondamentale di didattica ricerca e assistenza che non può non riconoscere e valorizzare attraverso il giusto inquadramento giuridico-economico il personale universitario che vi opera. Un riconoscimento che passa anche attraverso la corretta rivisitazione della tabella di equivalenza ex art. 64 che non può ridursi ad una mera trasposizione ma alla luce del nuovo ordinamento professionale del comparto sanità merita una attenta analisi per il corretto inquadramento delle professionalità oggi presenti nelle Università.

La UIL porterà al prossimo incontro del 2 novembre le proprie proposte e si confronterà sempre entrando nel merito e mai partendo da posizioni precostituite.

Come sempre vi terremo aggiornati

La Segreteria Nazionale

stampa

Collegamenti Rapidi

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news