7.3 C
Rome
mercoledì 14 Aprile 2021

CNR: Comunicato al personale

La UIL continua a battersi da sola contro
UN CNR CHE RESPINGE I PRECARI E SPRECA RISORSE !

Il giorno 18 maggio u.s., si è svolta, presso la Sede centrale CNR, l’assemblea organizzata dalla UIL-RUA a seguito delle determinazioni assunte dal C.d.A. in merito alle programmate assunzioni, utilizzando le risorse dei dipendenti cessati dal servizio nell’anno 2009.

Oltre alla partecipazione dei precari e dei sottoinquadrati non è mancata la solidarietà del personale di ruolo espressa con la propria ATTIVA partecipazione.

Dopo l’iniziale irremovibile rifiuto del Presidente CNR, una delegazione di lavoratori, costretti purtroppo, ad utilizzare rumorosi fischietti e megafono, sono entrati nell’Aula Fermi dove era riunito il Consiglio di Amministrazione ed hanno consegnato al Presidente ed ai Consiglieri presenti, il documento con i volantini inviati il giorno precedente a tutti gli iscritti UIL ed agli organi di stampa.

Con l’illustrazione del documento è stata espressa la netta contrarietà della UIL-RUA rispetto:

1. Alla riduzione dei posti da bandire (da 525 autorizzati a 83 deliberati). Riduzione motivata dal Presidente, dalla mancanza di posti vacanti nei livelli iniziali e subordinata, all’espletamento della selezione interna Art. 54 (traduzione: fra due anni);

2. alla mancanza delle riserve dei posti previsti per legge per precari e sottoinquadrati;

3. al decentramento dei concorsi con insostenibile impegno di risorse umane ed economiche;

4. alla mancata congrua valutazione dell’attività svolta.

In sostanza si è cercato di dimostrare documentalmente, con decreti e delibere, la legittimità, l’economicità e la coerenza istituzionale di tutte le rivendicazioni della UIL-RUA e che pertanto le punitive decisioni che sta assumendo il C.d.A., sono determinate, non da impedimenti e vincoli legislativi, come dichiarato dal Presidente all’inizio dell’incontro (40 posti di CTER anziché 165 e nessun posto per collaboratore di Amministrazione anziché 43), ma esclusivamente da una assurda e illogica VOLONTÀ POLITICA del Consiglio. Questo risulta confermato dalle varie relazioni istruttorie degli Uffici CNR, da noi peraltro condivise, puntualmente ignorate e stravolte dal Consiglio di Amministrazione.

Il Presidente, nel ringraziare per il contributo, non ha dato risposte e si è impegnato ad approfondire, entro una settimana, la problematica delle vacanze organiche.

La UIL-RUA ha, da parte sua, garantito al Presidente di mantenere alto il livello di mobilitazione, coinvolgendo le forze politiche e gli organi di stampa, non nascondendo l’auspicio, a questo punto, anche di un Commissariamento dell’Ente.

UIL-RUA
Americo Maresci

stampa

Collegamenti Rapidi

Comunicati Segreteria Nazionale

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news