lunedì 26 Luglio 2021

CNR: Comunicato al personale – Dopo 60 giorni dalla firma dell’ipotesi di accordo avvenuta il 27 dicembre è senza fine la telenovela

CNR SEDEART. 54
ancora non è iniziato l’iter per l’approvazione da parte dei Ministeri Vigilanti previsto dall’Art. 40-bis del D.Lgs. 165/01.
La suddetta ipotesi non potrà essere inviata alla F.P. finché il collegio dei Revisori dei Conti interno non avrà certificato il fondo del salario accessorio del 2017, anno sul quale graverà il finanziamento dei 535 passaggi di livello avendo previsto nell’accordo la loro decorrenza dal 1-1-2017.

Previsione questa che con il passare dei mesi, come sta avvenendo, potrebbe verosimilmente slittare al 2018 avendo il CNR dato acquiescenza all’indicazione della F.P. di fissare le decorrenze al primo gennaio dell’anno in cui vengono deliberate le relative graduatorie.
Considerato inoltre che il Collegio dei Revisori deve ancora certificare sicuramente i fondi del salario accessorio relativo agli anni 2015 e 2016 (e non si ha certezza se abbia formalmente certificato quelli relativi agli anni 2011-2012-2013-2014), risultano fondate e da prendere in dovuta considerazione da parte dei vertici dell’Ente, le nostre preoccupazioni e sollecitazioni.
Al riguardo abbiamo inviato la seguente nota:
Oggetto: Richiesta calendario di incontri e Art. 54
La scrivente O.S. rende partecipe le SS.LL. del grande stato di disagio del personale dell’Ente per i notevoli ritardi che continuano ad accumularsi nell’applicazione di strumenti contrattuali nonostante
60
ART. 54
2
l’avvenuta stabilizzazione dei vertici dell’Ente, con la nomina del Direttore Generale concretizzata da circa cinque mesi.
L’ultimo incontro con l’Amministrazione, guidato dal Prof. Lagalla, risale al lontano 20 dicembre 2016 e riguardò un solo argomento: l’Art.54. A distanza di oltre due mesi, l’ipotesi di accordo Art. 54 non ha ancora iniziato l’iter di cui all’Art.40-bis del D.Lgs. 165/01, in quanto risulterebbe mancare la certificazione del fondo del salario accessorio 2017 da parte del Collegio dei Revisori.
Anche al fine di non vanificare il proficuo intervento del Prof. Lagalla che, nel citato incontro, riuscì abilmente a conciliare le richieste delle OO.SS. e i vincoli imposti all’Ente consentendo a tutte le Parti di poter sottoscrivere, il 27 dicembre u.s, la relativa ipotesi di accordo, la UIL RUA
CHIEDE
nelle more della certificazione e dell’espletamento delle procedure di cui al citato Art.40-bis, di:
– bandire ed espletare la selezione Art.54 per 535 posizioni subordinando l’attribuzione dei relativi benefici alla positiva approvazione dei Ministeri Vigilanti;
– prevedere tra i requisiti del bando, la presenza in servizio alla data della presentazione della domanda e non anche alla data di pubblicazione della graduatoria considerando, come sostenuto dalla Funzione Pubblica e dal MEF, che trattasi di progressioni economiche (livelli economici). Ciò al fine di non penalizzare ulteriormente e irrimediabilmente lavoratori pensionandi la cui professionalità non è stata valutata, per ritardi dell’Ente, da oltre sette anni.
Si coglie infine l’occasione per sollecitare la definizione di un calendario di incontri riguardante le molteplici questioni contrattuali aperte, facendo presente che la UIL RUA ritiene esaurita la fase di incontri tecnici e di approfondimenti essendo giunto il momento, non più rinviabile, della sottoscrizione delle ipotesi di accordo con l’assunzione delle rispettive responsabilità da entrambe le Parti.

UIL-RUA
Americo Maresci

stampa

Collegamenti Rapidi

Enti Pubblici di Ricerca

Il Punto del Segretario Generale

Ultime news