domenica 3 Marzo 2024

CNR: Comunicato al personale

CNR SEDEPiani di fabbisogno 2014-2017
Art. 54 – Art. 53
Il Consiglio di Amministrazione del 3 luglio u.s., come riportato nel nostro comunicato del 7 luglio u.s., ha deliberato:
– il Piano di Fabbisogno di Personale 2015-2017;
– l’aggiornamento del Piano di Fabbisogno 2014-2016;
– la rideterminazione della Pianta Organica, ad invarianza di spesa, al 1-1-2015;
– la programmazione dell’Art.54 con decorrenza 1-1-2015 e, con delibera del 23 luglio, l’approvazione dell’ipotesi di accordo sottoscritta con il Sindacato per la sua applicazione (129 scorrimenti idonei e 288 posti con nuova selezione).

Le suddette delibere del C.d.A. del 3 e 23 luglio u.s., entro lo stesso mese, sono state inviate ai Ministeri Vigilanti per la prevista approvazione.
Contestualmente è stata inviata alla Funzione Pubblica la risposta ai chiarimenti richiesti riguardante l’applicazione dell’Art. 53 (650 gradoni per i livelli apicali dei tecnici e amministrativi) la cui ipotesi di accordo con le OO.SS. risale al lontano 27 dicembre 2012.
Poiché nei termini previsti dalla legge di Riforma della Pubblica Amministrazione (legge Madia n.124/2015) entrata in vigore il 28 agosto u.s. non è pervenuta, per quanto ci risulta, alcuna comunicazione da parte dei Ministeri Vigilanti, il CNR deve considerare acquisito il previsto parere con la formula del “silenzio-assenso”.
Il CNR è pertanto, a nostro avviso, nelle condizioni di poter effettuare i previsti scorrimenti degli idonei dell’Art.54, di bandire le selezioni Art. 54 e Art.53 e di realizzare i Piani di Fabbisogno, come programmati e deliberati dal C.d.A..
A tal fine la UIL-RUA ha inviato al Presidente e al Direttore Generale CNR la seguente nota:
Risulta alla scrivente OO.SS. che a tutt’oggi non sono pervenute al CNR né osservazioni né proposte di modifica e di chiarimenti da parte dei Ministeri Vigilanti relative alle delibere assunte da codesto Ente il 3 ed il 23 luglio u. s. riguardanti sia le ipotesi di accordo sottoscritte con le OO.SS. per l’applicazione dell’Art. 53 e dell’Art. 54 e sia il Piano di Fabbisogno Triennale 2015-2017 e l’aggiornamento del Piano di Fabbisogno 2014-2016.
Essendo abbondantemente superati i termini a disposizione dei predetti Organi di Controllo previsti dall’Art. 3 della Legge 124/2015, entrata in vigore il 28-8-2015, deve intendersi acquisito il previsto assenso (silenzio-assenso) sulle tematiche sopra riportate.
Stante tale situazione si invita l’Ente a convocare rapidamente le OO.SS. per la sottoscrizione definitiva delle relative Ipotesi di Accordo, quale atto propedeutico alla concreta applicazione dell’Art.53 (pubblicazione bando di selezione) e dell’Art.54 (scorrimento idonei e pubblicazione bando di selezione) e a dare piena attuazione ai Piani di Fabbisogno sopra richiamati con l’avvio delle procedure di reclutamento speciale e ordinario.

Consiglio di Amministrazione CNR
A seguito delle scadenze di tre membri, ancora non sostituiti, dal 29 ottobre u.s. il C.d.A. del CNR risulta composto da due soli membri: il Presidente Prof. Nicolais e il Prof. Ferrara, quest’ultimo scaduto il 25 ottobre u.s. e tuttora in regime di prorogatio fino al 9 dicembre p.v. .
Pertanto la situazione aggiornata con le scadenze dei componenti del Consiglio di Amministrazione risulta essere:

2015 11 04 comunicato CNR All 1

In questa situazione, mai verificatasi in passato, il C.d.A. non è convocabile, mentre continua al riguardo, la latitanza del Ministro della Ricerca al quale la UIL-RUA ha inviato la seguente nota, trasmessa per conoscenza anche al Presidente del Consiglio dei Ministri:
Il giorno 29 ottobre u.s. con la scadenza dei termini di prorogatio anche dell’Ing. Vico Valassi che segue le scadenze delle prorogatio del 24 settembre u.s. delle Prof.sse Maria Cristina Messa e Gloria Saccani Jotti, il C.d.A. del CNR risulta composto di solo due membri, il Presidente Prof. Luigi Nicolais ed il Prof. Gennaro Ferrara, anche quest’ultimo scaduto il 25 ottobre u.s. e tutt’ora in regime di prorogatio fino al 9 dicembre p.v. .
Stante tale situazione, il maggior Ente di Ricerca sottoposto alla Sua vigilanza, risulta così “paralizzato”, ovvero privo dell’Organo di Governo nel momento in cui deve tra l’altro:
a) approvare il bilancio di previsione 2016;
b) varare il nuovo Piano di Fabbisogno Triennale 2016-2018;
c) provvedere alla nomina di Direttori di Istituto;
d) approvare i piani di gestione;
e) deliberare l’applicazione di fondamentali strumenti contrattuali che riconoscono la crescita professionale del personale;
f) realizzare, soprattutto, una riduzione del precariato ora che si sono superate le lungaggini burocratiche degli Organi di Controllo ed entra, tra l’altro, nella
g) fase applicativa la Legge D’Alia (L.125/2013) con l’avvio delle procedure di reclutamento ordinario e speciale.
La nomina dei componenti del Consiglio di Amministrazione, ai sensi del comma 2 dell’Art.8 del D. Lgs. 213/2009 è di Sua competenza, con modalità e procedure previste dall’Art.7 dello Statuto del CNR.
Risulta alla scrivente O.S. che, a tutt’oggi, Ella non ha ancora assunto alcun provvedimento in merito, nonostante le prime scadenze risalgano al 9 agosto u.s. .
Stante tale inadempienza, la UIL-RUA sollecita l’immediata nomina dei componenti del Consiglio di Amministrazione al fine di garantire il regolare funzionamento dell’Ente e di evitare, da parte della scrivente, le conseguenti iniziative.
Formuliamo gli auguri di buon lavoro e chiediamo maggiore attenzione al settore della Ricerca pubblica e dell’Alta formazione anche perché – come più volte ribadito anche dal Presidente della Repubblica nella sede del CNR il 28 ottobre u.s. – la “RICERCA È FUTURO”.

Gadget UIL RUA
Gli iscritti UIL-RUA possono ritirare presso la saletta UIL 3° piano della Sede Centrale CNR, la tessera UIL, l’agendina ed il calendario da tavolo 2016.

UIL RUA
Americo Maresci

stampa

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...