26.1 C
Rome
lunedì 14 Giugno 2021

CNR: Comunicato al personale

CNR SEDEConcorsi Aperti
Ricercatori Tecnologi
Come anticipato nel nostro comunicato n. 14 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 1 aprile u.s. l’Avviso del secondo blocco di bandi di concorso aperti per complessivi 22 posti di Ricercatore e 9 posti di Tecnologo di III livello.

Tali posti riguardanti gli Istituti afferenti ai Dipartimenti di Scienze Biomediche e di Ingegneria sono così ripartiti:

2016 04 05 comunicato personale CNR All 1

Il 2 maggio p.v. scade il termine per la presentazione delle domande di partecipazione ai suddetti concorsi.
Tali concorsi essendo aperti non hanno alcun vincolo e limite di partecipazione.
CTER
Sono in fase di stesura i testi dei bandi di concorso aperti per complessivi 70 posti (programmati) per il profilo di CTER VI livello.
Nel frattempo si sta cercando di dare soluzione al non condivisibile annunciato taglio di 8 posti.
Concorsi Riservati
Si ricorda che alle ore 18 del 7 aprile p.v. scade il termine per la presentazione delle domande di partecipazione ai concorsi riservati al personale con contratto a T.D. per i profili di CTER, Collaboratore di Amministrazione e Operatore Tecnico.
Mentre per il profilo mancante di Operatore di amministrazione (4 posti) verrà a breve pubblicato in Gazzetta Ufficiale il relativo Avviso di selezione dopo che lo stesso sarà firmato dal Presidente.
Riorganizzazione Amministrazione Centrale
È stato inserito all’ordine del giorno del prossimo C.d.A. del 6 aprile p.v. un punto riguardante la “Riorganizzazione dell’Amministrazione Centrale”.

Al riguardo la UIL RUA ha inviato al Presidente, al Direttore Generale ed ai componenti il C.d.A. la seguente nota:
Il 31 marzo u.s. abbiamo ricevuto con molto stupore “l’informativa sulla proposta di modifica dell’assetto organizzativo dell’Amministrazione Centrale – provvedimento del Direttore Generale n. 144 del 30 dicembre 2013”.
Lo stupore deriva dal fatto che nell’incontro del giorno precedente (30 marzo u.s.) con la delegazione CNR (Direttore Generale f.f. e Capo del Personale) guidata dal delegato del Presidente prof. Frosini, non è stato fatto alcun riferimento all’argomento di cui all’oggetto, nonostante l’incontro stesso fosse improntato sulla correttezza, trasparenza, collaborazione e valorizzazione delle relazioni sindacali.
È questo il metodo di lavoro individuato che lo stesso prof. Frosini ha ipotizzato e addirittura definito “concertativo”?
Così quando abbiamo ricevuto la suddetta proposta abbiamo avuto la sensazione che mentre si fa un’affermazione si è già deciso esattamente l’opposto.
Sensazione divenuta certezza quando, dopo qualche ora, siamo venuti a conoscenza dell’ordine del giorno del prossimo C.d.A. (6 aprile p.v.) dove al primo dei due punti è inserita la “Riorganizzazione dell’Amministrazione Centrale”.
Risulta quindi inspiegabile questo incoerente comportamento caratterizzato dal blocco dell’approvazione dei Regolamenti e della Riorganizzazione delle Aree di Ricerca con la motivazione di attendere i decreti attuativi della legge Madia, che il Presidente CNR dichiara essere di imminente emanazione, e contestualmente si procede però alla Riorganizzazione dell’Amministrazione centrale.
Sfugge quindi l’urgenza e l’opportunità di intervenire:
• in assenza dei decreti di cui all’art. 13 della Legge Madia;
• con un Direttore Generale f.f.;
• con la mera informazione e senza alcun incontro con le OO.SS..
Il precedente Direttore generale, pur non brillando nelle relazioni sindacali, aveva effettuato vari specifici e approfonditi incontri prima dell’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione.
Vuole essere anche questo un segnale di DISCONTINUITÀ?
E’ pertanto inaccettabile e da respingere al mittente il metodo individuato.
Nel merito:
a) si condividono alcune proposte che appaiono coerenti anche con quanto formalmente sostenuto dalla scrivente organizzazione sindacale e non recepito nell’attuale organizzazione;
b) necessitano chiarimenti e approfondimenti sia alcune nuove proposte e sia alcune conferme, al fine di garantire la funzionalità e l’efficienza degli uffici e la tutela delle professionalità del personale coinvolto.
La UIL RUA, ricevuta l’informativa cartacea chiede, in base alla normativa vigente (art.6, comma 1, D.Lgs. 165/01 e CCNL 7-4-2006), l’attivazione della formale procedura di consultazione/concertazione e nelle more invita codesto Ente a non assumere alcuna determinazione in merito.
Comparti di contrattazione
Nel corso della notte sono stati definiti i 4 Comparti di contrattazione del Pubblico Impiego come previsto dal Decreto Brunetta (D. Lgs. 150/09) che nessuno è riuscito a modificare.
Nonostante tutti gli sforzi e gli interventi della nostra categoria e della Confederazione, abbiamo dovuto subire l’abolizione dei Comparti Ricerca, Università e AFAM e il contestuale inserimento nell’ex Comparto Scuola divenuto “Comparto dell’Istruzione e della Ricerca”.
Solo alcuni emendamenti dell’ultimo momento riguardanti specificità e transitorio hanno attenuato gli effetti devastanti per il Settore e la Categoria.
In allegato segue lo specifico comunicato di Sonia Ostrica Segretario Generale UIL-RUA.

UIL RUA
Americo Maresci

stampa

Ultime news