martedì 21 Settembre 2021

CREA: problematiche aperte e richiesta incontro

cra firenzeEgregio Commissario, gentile Direttore
ci aspettavamo che alla ripresa dopo le ferie estive le numerose scelte organizzativo-gestionali comunicateci nell’ultimo incontro di agosto potessero avere un’accelerata e andare finalmente in porto. Invece notiamo una sorta di stato di attesa e di indeterminatezza che non giova al nuovo ente.

La tempistica dettata dalla agenda della Riorganizzazione è particolarmente scandita da eventi collegati tra loro e che, se non programmati per tempo, rischiano di far saltare procedure molto complesse, mettendo a rischio l’attività di ricerca e soprattutto mettendo in serio pericolo i contratti dei lavoratori precari che insieme alle attività devono essere organizzate in modo da dare continuità all’attività lavorativa. Nel mese di Agosto è stato discusso il piano di fabbisogno, che necessita della relativa approvazione da parte degli organi vigilanti. Ma da questo discende la programmazione assunzionale per i primi 2 livelli, dove è necessario, anche prima dell’approvazione del Piano di fabbisogno, individuare le aree disciplinari e la distribuzione per Aree e Centri. Questa fase è ritenuta propedeutica per la trasformazione dei rapporti di lavoro da part time e tempo pieno, trasformazione che non può essere ulteriormente rinviata, auspicando che possa essere completata entro un anno dalla presa di servizio.
E’ necessario fare il punto della situazione su Statuto e Regolamenti, così come determinare le fasi di applicazione del riordino, con l’avvio delle nuove strutture, con l’individuazione dei Responsabili delle strutture.
Resta inoltre da capire quali siano le fasi del trasloco della sede centrale e degli Istituti di Roma coinvolti, trasloco che ad oggi non è ancora definito, visto che non tutti i soggetti che saranno coinvolti sono stati informati delle procedure che li riguardano.
In ultimo, ma non perché poco importante, vorremmo segnalare la grande preoccupazione dei lavoratori precari ex INEA i quali hanno il contratto in prossima scadenza; si tratta di un numero importante di lavoratori che supportano l’ente nella realizzazione delle attività di studio e di consulenza alle pubbliche amministrazioni e che hanno maturato professionalità e competenza di alto livello.
Nell’incontro sindacale ultimo ci è stato comunicato che si aveva intenzione di promuovere l’ennesima tornata concorsuale a cui far partecipare sia Tempi Determinati che Co.co.co. Vorremmo a tal fine sottolineare che questi lavoratori sono già stati soggetti a numerose verifiche concorsuali e, mentre per i Cococo c’è almeno la possibilità di un miglioramento contrattuale, per molti TD viene richiesto un ulteriore sforzo formale a fronte di professionalità ormai rodate e necessarie per svolgere attività tradizionali dell’Istituto. Pertanto di chiede se non si potesse esplorare l’ipotesi del rinnovo mediante l’accordo in deroga peraltro già utilizzato per gli stessi lavoratori solo un anno fa.
Per questi ed altri motivi che Lei ben conosce si richiede un incontro urgente per programmare le numerose attività che ci vedranno coinvolti come Ente e poter avviare quei percorsi che anche come sindacato ci vedono coinvolti.
In attesa di riscontro si porgono distinti saluti

UIL RUA CREA
Mario Finoia

stampa

Ultime news