sabato 18 Maggio 2024

Decreto Buona Scuola… e l’AFAM?

simboli-comparti afam“Reclutamento”, “Stipendi dei Docenti e Digitalizzazione”, “Rivoluzione dei Programmi”.

Questi sono i paroloni spesi dalla politica sui provvedimenti che il Governo Renzi si appresta a licenziare nei prossimi giorni.

I realtà il vero nodo da sciogliere sono le modalità di stabilizzazione del personale Docente a tempo determinato.

Appare evidente che qualunque processo di Riforma e di cambiamento di un sistema si scontra con il problema del precariato che nell’ AFAM ha raggiunto dimensioni insostenibili.

I tecnici del ministero hanno ormai capito (e lo dimostra l’analisi del nostro sistema elaborata nell’ambito del “Cantiere AFAM”) ciò che la UIL RUA ha da sempre sostenuto sui tavoli Ministeriali: per arrivare ad un modello di reclutamento si deve passare attraverso la valorizzazione del lavoro del personale docente di Prima e Seconda fascia e di quello dei Tecnici Amministrativi, procedendo quindi alla necessaria stabilizzazione di tutti i precari.

Il risultato di non aver mai voluto prendere atto di questa realta è stato il blocco delle assunzioni con conseguente aumento a dismisura del precariato

Visti i pressanti ed ormai numerosi ricorsi presso i giudici del lavoro, che vedono la UIL Rua capofila nella presentazione degli stessi, ed avendo ormai portato i ricorsi fino alla Cassazione, riteniamo che sia giunto il tempo per l’attuazione di un provvedimento risolutivo.

Il sistema non ha davvero più bisogno di provvedimenti-tampone: ora più che mai si impone la necessità e l’urgenza di concretizzare un progetto di riforma organico che risolva in maniera definitiva tutte le problematiche mai risolte all’interno del Settore AFAM.

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...