19 C
Rome
giovedì 17 Giugno 2021

ENEA: Colpi di testa

enea sedeLa riunione odierna con il Commissario aveva all’ordine del giorno esclusivamente il “lavoro flessibile” con particolare attenzione alle proroghe dei contratti ma, in virtù di alcune novità da parte del MISE e degli interventi legislativi che autorizzano lo sblocco della parte accessoria del salario, la discussione ha riguardato più argomenti.
La riunione ha raggiunto toni anche molto accesi, ci limitiamo ad una stringata cronaca rinviando ad un successivo comunicato e ad assemblee con il personale, le opinioni e le sensazioni che riteniamo più saggio argomentare a mente fredda.

SBLOCCO CONTRATTI:

Il Commissario ha assicurato che con la busta paga del mese di febbraio saranno adeguate le retribuzioni ai valori di fasce stipendiali riconosciute giuridicamente per i primi tre livelli e saranno pagati gli importi relativi all’applicazione degli ex art. 53 e 54 (se completato).
In verità gli è stata suggerita dall’amministrazione di proporre prima una riunione al CODIGER (Coordinamento direttori generali enti ricerca) per uniformare i comportamenti degli enti ma visto che ciò richiede tempo, intanto si paga, poi si vedrà…

RINNOVO CONTRATTI:

Abbiamo proposto un accordo per il rinnovo pluriennale dei contratti a tempo determinato sull’esempio di Enti come l’ISTAT, l’ISFOL e l’INVALSI che l’hanno già fatto ma il Commissario ha risposto che, al momento non intende rinnovare i contratti finanziati dal COS e che tutti gli eventuali rinnovi dovranno avere copertura finanziaria da progetto.
Ad oggi a fronte di 103 contratti a T.D., 61 assegni di ricerca attivi e 42 assegni in itinere, a detta del Commissario e dell’uomo dal braccino “corto” responsabile del bilancio, potrebbe essere assicurata la copertura soltanto per 68 assegni e 75 contratti a tempo determinato e solo per il 2015.
Dopo ampia e accesa discussione ci si è aggiornati ad una riunione tecnica con UCP dopo domani ed a una nuova riunione con il Commissario per il venerdì successivo.
In quell’occasione o si chiude un accordo o prenderemo iniziative a sostegno della legittima vertenza, confidando nella condivisione dell’obiettivo con tutte le OO.SS..

RIORGANIZZAZIONE:

Con malcelata soddisfazione il Commissario ha letto una nota della Ministra vigilante nella quale si assicura l’impegno del Dicastero per uscire dalla fase commissariale e si autorizza a procedere al riordino.
Lo schema di riordino che ci è stato proposto riguarda la “macro struttura” , in assenza di maggiori dettagli ci risulta difficile anche un giudizio complessivo, si tratta comunque di un violento rimescolamento dell’esistente e della creazione di tre ENEA in uno ma il documento tradisce, a nostro avviso, l’assenza di un vero disegno programmatico.
Il Commissario deve però essere così fiero della sua creatura che per la prima volta dopo 195 giorni, si è rivolto al personale (a cui non aveva neanche fatto gli auguri di buon anno), con un suo breve comunicato al quale ha allegato lo schema di riorganizzazione, troverete tutto sulla rete interna.
Anche su questo argomento ci siamo aggiornati a venerdì 30 p.v. con nostre osservazioni e con maggiori dettagli da parte del Commissario.

Per la conduzione della nuova struttura saranno attivate selezioni interne per l’affidamento di 6 nuovi incarichi dirigenziali… ma quanti contratti di personale precario si potrebbero rinnovare con i soldi necessari? (n.d.r.)
Proprio una mini svolta!

UIL RUA
Marcello Iacovelli

stampa

Ultime news