venerdì 24 Settembre 2021

ENEA: Pensando al binario 12

enea sedeIl Commissario aprendo la riunione del 16 luglio u.s. con le OO.SS., ha voluto, in premessa, esprimere la propria contrarietà per le unanimi e, a suo dire tardive critiche ricevute sul “c.d. piano di efficientamento”, che nelle more della definizione dei flussi amministrativi , ha per ora, prodotto la “catarsi” dell’ENEA.
Ha quindi iniziato la discussione sulla “produttività”, argomento all’ordine del giorno, ponendo subito come pregiudiziale alla discussione, l’accettazione di un modello di valutazione del merito per il futuro, tutto basato sugli “utili di gestione”.

Le OO.SS. hanno unanimemente giudicato impropria una discussione di questo tipo dal momento che, finalmente saranno i nuovi contratti nazionali che indicheranno le regole, tuttavia nell’interesse collettivo e soprattutto in considerazione delle legittime attese del personale, hanno accettato di continuare una trattativa che il Commissario, per la verità, sembrava impaziente di troncare.

Il documento proposto dall’ENEA recepisce alcune delle nostre osservazioni, tenta di mettere una “pezza” su alcuni problemi creati dalla recente riorganizzazione interna ed appunto ipotizza dal 2016 un nuovo modello di “valutazione del merito”.

Abbiamo espresso apprezzamento per il “ripescaggio dei capi progetto” (previsti nello schema iniziale e poi dimenticati), che affiancheranno i capi laboratorio all’interno dei dipartimenti percependo anche la medesima indennità di responsabilità.
Sarà però fondamentale chiarire i rapporti interni in una struttura che appare sin troppo gerarchizzata.
Importante anche il doveroso (ma non sufficiente) recupero almeno in termini economici di SPP , medico del lavoro ed altre figure previste per legge e travolte dagli “eventi”, sarà necessario un ulteriore sforzo su “funzioni specifiche”.

La discussione è stata molto articolata ed è continuata anche nel pomeriggio ma non ha potuto interessare tutto il documento, sono stati richiesti dalle OO.SS. numerosi emendamenti ma la delegazione “PER” orfana del Commissario che aveva lasciato la riunione già nella mattinata, ha solo preso nota.
La riunione continuerà mercoledì 22 p.v.

La proposta come detto, contiene elementi positivi ed altri da rivedere , tuttavia da parte sindacale è stata data prova di pazienza e di volontà per arrivare rapidamente al risultato.
Se tutti la penseranno così si potrà “chiudere” già dalla prossima riunione.
La UIL RUA per mercoledì prossimo ha dato disponibilità per una riunione ad oltranza…fino a definizione di un accordo (noi non dobbiamo prendere nessun treno!).

In chiusura due notizie tristi e ridicole al tempo stesso e, fortunatamente, una buona:

• Il Collegio dei revisori uscente ha impugnato la nomina dei nuovi revisori con richiesta di sospensiva presentata al TAR Lazio …(se ne discuterà a settembre)

• Dal Ministero vigilante, lo stesso che ha autorizzato il Commissario ad andare avanti nella riorganizzazione che impegna pesantemente il futuro dell’ENEA è arrivato un no alla rimodulazione della pianta organica richiesta dall’agenzia… pensate un po’ per la ragione che in regime commissariale non si può progettare per il futuro…

• La buona notizia è che l’accordo “desaparesito” omnibus (anticipo di fascia, indennità turno, conto terzi ecc…) ha finalmente l’ok dei Ministeri e mercoledì prossimo firmeremo il testo definitivo, azione propedeutica alla piena attuazione dei contenuti dell’accordo stesso.

UIL RUA
Marcello Iacovelli

stampa

Ultime news