domenica 21 Aprile 2024

INAIL: Incendio aeroporto L. Da Vinci

INAIL sedeLa scrivente O.S. ha appreso dalle notizie dei media che, a seguito dell’incendio sviluppatosi il 7 maggio scorso all’interno del terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino, per verificare la sussistenza di rischi per i lavoratori addetti alla struttura sarebbe stato interpellato il Dipartimento Ambiente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

Come noto, l’ISS “… esegue, inoltre, accertamenti ispettivi, controlli di Stato e analitici, accertamenti e indagini igienico-sanitarie in relazione all’ambiente.”, e non si occupa dei controlli in ambienti di lavoro, competenza dell’ex ISPESL ora attribuita all’INAIL a seguito dell’attuazione di quanto previsto all’art. 7 c. 1 del D.L. 78/2010 come convertito dalla L.122/2010. La scrivente O.S. con la presente, oltre a rappresentare nuovamente l’esclusione sistematica delle strutture di ricerca dalle attività precedentemente espletate, chiede alle SS.LL. di attivarsi con chi di dovere per sapere come mai non è stato chiesto all’INAIL di provvedere agli accertamenti sulla salubrità dei luoghi di lavoro, compito a cui è istituzionalmente preposto, ed in ogni caso di rivendicare la presa in carico della gestione della questione per quanto di propria competenza secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i..”
Si resta in attesa di un urgente riscontro.

UIL RUA
Marco Di Luigi

stampa

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...