sabato 25 Maggio 2024

ISPRA: Mozione d’Assemblea

ISPRAI lavoratori e le lavoratrici ISPRA riuniti in assemblea oggi, giovedì 27 novembre, dopo ampio e approfondito dibattito sugli argomenti fissati nell’OdG, hanno dato mandato alle OO.SS. di proclamare lo stato di agitazione prevedendo iniziative di protesta, assemblee e manifestazioni anche esterne c/o e sotto il Ministero vigilante (MATTM) il quale, mentre manda “in economia” i propri stanziamenti, attraverso un finanziamento sempre più inadeguato per l’Istituto, ne perpetua le condizioni di incertezza.
La rivendicazione esigerà:

– nei confronti del CdA e dei Vertici il diritto del personale a un trattamento equo e rispettoso delle condizioni individuali, che deve tenere conto delle contingenti condizioni di disagio personale legate alla funzionalità dell’Istituto. Sono necessari i regolamenti attuativi per consentire l’assetto strutturale/organizzativo che spetta all’ “ISPRA che non c’è”;
– nei confronti del MATTM ruolo e compiti nel rispetto reciproco delle prerogative ma con un FINANZIAMENTO CORRISPONDENTEMENTE ADEGUATO.

Infine, poiché siamo Tutti chiamati a contribuire davanti a un così preoccupante scenario, inaspettato nell’ammontare, l’assemblea ha dato mandato di:
– prefigurare il contenimento del personale nelle sedi di Via Brancati a seguito del rilascio dell’attuale sede di Via Pavese (risparmio di circa 500.000 euro) prevedendo nel contempo l’aumento percentuale dei percipienti il telelavoro;
– proporre la creazione di un fondo di solidarietà che supplisca quantomeno per il 2015 alle esigenze legate al precariato e ai benefici socio-assistenziali.

È STATO FISSATO COME PRIMO ATTO TANGIBILE VERSO L’ESTERNO DI ORGANIZZARE UN’ASSEMBLEA SOTTO IL MATTM NELLA SECONDA SETTIMANA DI DICEMBRE E CHE NELL’IMMEDIATO LE OO.SS. CHIEDANO UN INCONTRO URGENTE CON I VERTICI DI ISPRA.

La mozione è stata approvata all’unanimità.

stampa

Collegamenti rapidi

Il Punto del Segretario Generale

La notte europea dei ricercatori 2023

Come ogni anno si celebra la “Notte europea dei ricercatori”, ci chiediamo in che modo questo Paese investa nei...