24 C
Rome
venerdì 18 Giugno 2021

Riforma P.A. – Lettera a Giorgio Napolitano

Signor Presidente,

come Lei ha spesso ricordato, i decreti legge devono contenere norme che consentono interventi necessari e urgenti, in ossequio al dettato Costituzionale.

Noi riteniamo che l’emanando decreto legge in materia di riforma della Pubblica Amministrazione non abbia certamente carattere di urgenza o almeno per tutte le norme in esso contenute. Siamo convinti che la riforma della Pubblica Amministrazione sia un elemento fondamentale per il rilancio del Paese per migliorare il rapporto con i cittadini. Proprio per questo, siamo convinti che sia necessario coinvolgere anche chi lavora nella Pubblica Amministrazione. Questa nostra convinzione nasce dalla preoccupazione che il metodo adottato presupponga il fallimento della ennesima annunciata riforma della Pubblica Amministrazione.

In particolare riteniamo che le norme che prevedono il “demansionamento” dei dipendenti pubblici rappresentano una violazione dei diritti individuali e lo stesso dicasi per quelle norme che disciplinano la mobilità laddove si prevede quale unica unità produttiva tutte le pubbliche amministrazioni insistenti in un’area di 50 chilometri che certo non tiene conto delle specificità territoriali del nostro Paese. Così come, al di là della valutazione sulla necessità di ridurre le prerogative e le agibilità sindacali, le norme del decreto anche su questa materia non rivestono certamente alcun carattere di urgenza e violano, a nostro avviso, la libertà di associazione prevista dalla Carta Costituzionale limitando il diritto di svolgere attività sindacale anche nei luoghi di lavoro, peraltro creando un ulteriore disparità di trattamento fra lavoro pubblico e lavoro privato.

Le chiediamo, quindi, nella Sua funzione di garante, anche in considerazione che le norme di cui sopra non producono alcun risparmio di spesa, di valutare le nostre considerazioni effettuate al fine di contribuire fattivamente alla Sua decisione.

UIL FPL
Giovanni Torluccio
UIL PA
Benedetto Attili
UIL RUA
Alberto Civica

stampa

Ultime news